Dottrina Cattolica e Software Libero

Nel mondo moderno molti documenti e servizi sono ormai offerti tramite tecnologie informatiche che diventano obsolete in pochi anni, o non sono accessibili a tutti. Questo ostacola la libera comunicazione fra gli uomini, la preservazione del patrimonio culturale e spirituale comune e la diffusione della Parola di Dio.

Allo stesso tempo, molti Cristiani spesso commettono un reato, magari solo per mancanza di informazioni adeguate, utilizzando software proprietario installato illegalmente.

Negli ultimi tempi alcuni Cristiani hanno invece iniziato a sostenere che alcuni standard e tecnologie informatiche gia’ esistenti, essendo sviluppati secondo uno spirito di cooperazione e condivisione, risultano particolarmente affini all’etica Cristiana.

Sono quindi nati diversi gruppi informatici di ispirazione Cristiana, sia Cattolica sia di altre confessioni, per stimolare nelle rispettive Chiese l’uso di Formati Aperti e Software Libero.

Esempi di questi gruppi sono il Progetto Eleutheros, rivolto specificamente alla Chiesa Cattolica, e quello statunitense Freely, aperto a qualunque confessione Cristiana.

Paolo Melchiorre
Progetto Eleutheros

Rispondi